Casa del Trashometro
sostare il cursore su titoli di film e nomi di persone per aprire la scheda.

giovedì 9 novembre 2006

formichine assassine!

Stupidi, patetici esseri umani! Sprecano il loro tempo preoccupandosi di sciocchezze quali l'effetto serra, il cancro ed il nucleare "civile" iraniano, quando neppure si rendono conto che ben presto avranno di fronte un nemico ben più temibile e letale: le formichine assassine!
Formichine assassine che, per inciso, io riconosco fin d'ora come mie signore e padrone assolute. ;-)

La Legione delle Formiche Assassine (anche Marabunta - Attacco alla terra, Marabunta, Legion of Fire: Killer Ants! ed un'altra mezza dozzina di AKA usati suppongo per sfuggire al fisco) è un filmone horror proprio degno del proprio titolo.
Già parte malissimo: un fetente film horror che si rispetti inizia con "la storia che state per vedere è veramente accaduta...", ma le formichine assassine no! Loro devono far diverso e coprirsi di ridicolo annunciando "la storia che state per vedere potrebbe accadere anche domani!"
Persa fin dall'inizio ogni dignità - che è già un bel pensiero in meno ;-) - siamo subito proiettati nel vivo dell'azione: in Alaska il risveglio di un vulcano fa aumentare la temperatura del sottosuolo, rendendolo habitat ideale per una specie di orrende formiche divora-uomini brasiliane (le Marabunta del titolo).
Tali creaturine passano la giornata devastando tutto ciò che si pone sul loro cammino e che non sia in grado di spostare il proprio pesantissimo culo ad una velocità superiore ai 2 metri al minuto, ivi inclusi - dunque - tutti quei moscioni degli americani che abitano nelle vicinanze. ;-)
Ora, non mi sento davvero di perdere tempo raccontando il resto della trama che vede coinvolti (implicati, oserei dire) un entomologo di fama mondiale (per "qualcosaltro", immagino ;-)), una maestrina, un cinnozzo, un po' di poliziotti (tra cui il mitico Skinner di X-Files) ed un grande capo indiano. Né mi sento di sparare sulla croce rossa (pardon, sul cristallo azzurro o quel cacchio che è adesso) citando la recitazione, la regia, la sceneggiatura e gli imbarazzanti effetti speciali.
Se non siete davvero appassionati di trash, sappiate solo che questo film farà decisamente più male che bene; i Veri Credenti potranno invece divertirsi con la trama ridicola, i bellissimi teschi di plastica e l'eccellente approfondimento dei personaggi (la gente muore come mosche, ma non frega niente a nessuno... ;-))


Voto: 1. Trashometro® 8/10: (beware the killer ants!)
Tags: , , , , , , , .

----------

0 commenti: