Casa del Trashometro
sostare il cursore su titoli di film e nomi di persone per aprire la scheda.

lunedì 30 ottobre 2006

the departed

Scorsese conferma di avere un certo feeling con la violenza, in The Departed. :-)

Un poliziotto (ecco, l'unica vera colpa di Scorsese è che continua a dar da mangiare a DiCaprio ;-)) si infiltra sotto copertura in una banda della malavita irlandese di Boston; al contempo un poliziotto del dipartimento di Stato (un Matt Damon il cui "Piccolo Matt Damon" finirà col dare un grosso dispiacere al pubblico femminile ;-)) fa il doppio gioco e passa informazioni alla gang.
Si va verso una escalation per la ricerca delle rispettive talpe, mentre le vite di tutte le persone coinvolte vengono distrutte.

Il potere per il potere e la paura e la violenza come unici mezzi per ottenere ciò che si vuole; film cinico e spietato con tutti i suoi protagonisti.

Diretto superbamente, con dialoghi eccelsi ed attori tutti molto bravi nelle rispettive parti (Jack Nicholson immenso e perfetto come quasi sempre in vita sua); la sceneggiatura è brillante, ma onestamente il film si perde un po' nel finale troppo involuto su se stesso: troppe coincidenze, troppo deus ex machina finiscono col farlo sembrare forzato fino all'eccesso; ad ogni modo a mio avviso i meriti superano di gran lunga i demeriti, e questo resta uno dei film da vedere di questa stagione.

Mi dicono che Infernal Affairs - di cui è il remake - sia stupendo; spero di recuperarlo.

PS: Martin Sheen continua a ripetere per tutto il film che suo figlio studia alla Sorbona. Ora, io mi chiedo: ma come cacchio ha fatto Charlie Sheen a farsi ammettere alla Sorbona?!?! ;-)

Voto: 8.
Tags: , , , , , , , , , , , .

----------

venerdì 27 ottobre 2006

[ninja] ninja reprint

Niente di nuovo sotto il sole ninja, data la difficoltà a procurarsi simili capolavori del cinema; oltre ad una breve panoramica sui ninja movies già recensiti fin qui, aggiungo una vera chicca per gli appassionati: ho recuperato dai miei archivi una meravigliosa intervista al nostro eroe Godfrey Ho, il più grande regista di film di ninja della storia! :-)
L'intervista originale venne redatta da GaraiJAN, per poi essere ripubblicata da LTx nel suo mitico sito ultimate ninja; purtroppo ad oggi entrambi i siti sono spariti, quindi... ecco a voi l'intrevista all'Uomo®: http://digilander.libero.it/alberanid/ninja/gh.html
Imperdibili le palate di merda agli attori orientali famosi e quando nega di aver mai montato insieme due film separati, per poi smentirsi poche righe dopo! :-)

But now... ninja reprint!

  • Ninja Il Padrino: grandioso; confuso quanto basta, con alcune grandi facce da ninja ed un Richard Harrison al top della forma; ideale per chi vuole cominciare.
  • Ninja Il Distruttore: uno dei migliori, con Bruce Baron e Red Devil, il miglior cattivo che si sia mai visto in un film di ninja (fatto salvo per la Carrà Hong-Kongese); grandi combattimenti e tentati stupri; da vedere.
  • Ninja Terminator: ottimo prodotto, con i robot, i granchi e le VHS ninja e soprattutto Tiger, la Carrà Hong-Kongese; da avere.
  • Ninja Occhio Per Occhio: il ninja camerunense, sparatorie alla Callaghan con le baguette; la trama hong-kongese è grandiosa e nel complesso si rivela uno dei migliori in assoluto.
  • Ninja Tunderbolt: i ninja sui pattini, le scene porno-soft e Richard che grida "NINJA" al mondo; bello davvero, anche se la trama è un tantino confusa.
  • Ninja Commandements: una parte hong-kongese dolorosissima, ma condita con i precetti del saggio maestro ninja morto; Richard che continua a scalare montagne ed a gridare "NINJA!" ed un po' pochi combattimenti; da vedere, ma per stomaci forti.
  • Ninja Il Guerriero: agghiaccianti effetti speciali ninja, una trama straniante per il modo in cui è cucita insieme ed alcune orrende locations; da vedere con cautela.
  • Ninja Campione: una trama delirante per un grande scontro tra Baron e Tremblay (a voi decidere chi è il bene e chi il male); per esteti.
  • Cobra vs. Ninja: cooomplicatissimo e delirante dall'inizio alla fine! Da vedere due volte, per capire come sono montate le diverse scene dei film originali.


Fuori dalla serie "due film in uno", torno a segnalare anche:
  • La Sfida del Tigre: con Harrison, Bruce Le e la formula segreta che rende sterili; grandiosi combattimenti, intrighi internazionali e tette al vento! Notevole.
  • Enter The Ninja: il piedone fetente di Franco Nero per una purga intestinale in costume da ninja!
  • The Super Ninja: uno dei più grandi ninja movies in assoluto, con combattimenti, amore, sesso e lotta di classe! Da vedere!


Ninjoy, my friends!

----------

martedì 24 ottobre 2006

gangsta!

Un amante del trash può essere portato a pensare che, una volta visto un horror prodotto dalla WWE, non resti poi molto per allietare il proprio palato affamato di spazzatura.
Beh, invito tutti a non sottovalutare le produzioni di MTV! :-)

È gangsta! È rappa! È raised-by-the-street! È nigga! È from-da-ghetto! È bullet-proof! È in-da-hood! È uno che canta con un calzino di lana riempito con tre palline da ping-pong in bocca! È 50 Cent in Get Rich or Die Tryin'!
Coprodotto da Dr. Dre ed Eminem, diretto da un tizio che prima di una precoce senilità dirigeva anche bene, ecco a voi... la vera storia veramente romanzata benché veritiera di 50 cent!

Marcus è just a little nigga in da ghetto; da matha do da whore e nonostante ciò sono poveri in canna. Sfiga vuole che per ottimi motivi la mammina si metta contro il pappone-mafioso-gangsta locale nonché suo amante, che killa da bitcha without respect!
Marcus somatizza la morte della madre volendo comprarsi un paio di scarpe (da nike shoes), e l'unico modo sensato di farlo è spacciando droga (da dope); solo e pieno di rabbia farà strada in fretta, cadendo presto in un noioso tran-tran fatto di crack (da crack), rapine (da robs), qualche turf war con gli ispanici (in da barrio!) ed un po' di black pussy.
Ma l'uomo ha un sogno! To be a gangsta-rapper!
Purtroppo la sua quasi-ex-gang ha subito un cambio al vertice e la nuova politica non piace al nostro eroe positivo (che finora si è limitato a spacciare crack ed a sparare un po' a qualche mothafucka'); i suoi ex-amici gli fanno terra bruciata attorno anche nel mondo della "musica", dato che hanno il loro rapper da promuovere! (evidentemente vendere crack non è quell'attività redditizia che uno può credere)
Ora ha - nell'ordine - dei nemici potenti, tanto respect, una discreta topina come fidanzata (latrice di alcuni dei dialoghi più melensi e patetici che la storia ricordi) ed un figlio in arrivo; non poteva dunque capitare in un momento peggiore la sparatoria coi suoi stimati ex-colleghi che gli piantano 9 pallottole in corpo di cui un paio nel cranio. Ma lui è bullet-proof, ed il sopravvivere è come una rinascita che lo trasformerà in uno dei più grandi rapper di sempre!

Wow, che storia epica ed edificante! Ed in cui chiunque si possa facilmente immedesimare, per giunta! ;-)

Quasi due ore nella vita di 50 cent è un supplizio a cui solo i fan più sfegatati e gli amanti del trash sopravviveranno; tutti gli altri... will die tryin'! :-)

Voto: 2 (per non dargli la dignità dell'1).
Trashometro® 8/10: (very very trasha)
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , .

----------

sabato 21 ottobre 2006

smackdown!

Cosa ci spinge a fare (ed a farci) del male? Quale sadomasochistica pulsione sembra costringere alcune produzioni cinematografiche dritte nel baratro con l'entusiasmo di un branco di lemmings?
E soprattutto: cosa passava nella testa dei finanziatori quando hanno deciso di dare dei soldi alla WWE di Vince McMahon perché producesse un film horror diretto da Gregory Dark (sì: quello dei Dark Brothers registi e produttori di porno) con protagonista Kane (il "fratello" di The Undertaker)?
Se non è cercarsi una rogna questo...

Detto ciò, ovviamente il risultato - Il Collezionista di Occhi (See No Evil) - è un film bellizzimo. ;-)
Alcuni giovani criminali incarcerati per i crimini più disparati, vengono mandati assieme a delle ragguardevoli galeotte (tutti in abiti civili e perfettamente pettinati e truccati) a fare del lavoro socialmente utile: un vecchio albergo in disuso dà riparo a molti senza tetto; i servizi sociali locali li hanno fatti sloggiare ed hanno assegnato ai detenuti il compito di... farne un rifugio per i senza tetto! (well, well, well...)
A sorvegliarli solo due poliziotti, uno dei quali ha una mano artificiale, avendo perso l'originale in uno scontro con un serial killer che aveva infestato la città 20 anni prima.
Inizialmente tutto si svolge secondo i canoni tipici della gita scolastica, con festicciole, scherzi, risse, furtarelli e scopatine assortite... quand'ecco l'inaspettato! Il suddetto serial killer ricompare (il corpo non era mai stato ritrovato né, per quanto ne sappiamo, era mai stato cercato) e miete vittime tra i poveri criminali!
Difficile scegliere con chi solidalizzare. :-)

Il nostro eroico serial killer è niente più di un originalissimo energumenazzo variamente deforme, che ama strappare (con le unghie!) gli occhi alle sue vittime in modo da conservarli in vasetti a mò di pesche sciroppate; l'arma preferita consiste in un uncino legato ad una lunga catena con il quale arpiona gli stolti peccatori stile Scorpion di Mortal Kombat.
Troverà pane per i suoi denti in un detenuto che, palesemente ispiratosi a Final Fight, se ne va in giro a randellare cose e persone con una tubatura dell'acqua...

Imbarazzante il tentativo (fallito, tranquilli!) di mettere una trama in un film che non fa la minima concessione alla verosimiglianza, si distingue giusto per un paio di momenti abbastanza gore e la presenza di un wrestler che da fondo a tutte le sue abilità recitative.

Voto: 2 Trashometro® 7/10:
Tags: , , , , , , , , , .

----------