Casa del Trashometro
sostare il cursore su titoli di film e nomi di persone per aprire la scheda.

venerdì 9 gennaio 2009

the strangers

Film minimalista, The Strangers, in cui davvero si è proceduto per sottrazione.
Perché diciamolo subito: il film in sé non ha una trama (tizi usano violenza su altri tizi, for the fun of it - fine), e non ci si disturba neppure ad aggiungere dettagli sui protagonisti; si sa che le vittime sono una coppia che sta rincasando dal matrimonio di un amico, e che per una qualche ragione hanno litigato di brutto. Niente altro.
Nonostante (proprio per?) questo, il film funziona in maniera eccellente.

Non ci sono motivazioni - e lo si dice esplicitamente - e non c'è nulla di particolarmente atroce: solo una lenta, sadica e metodica violenza, in larga parte non mostrata sullo schermo ma solo suggerita.
Proprio questa violenza "fuori schermo" è il punto di forza del film, che si fa apprezzare in un'epoca in cui gli horror puntano in massa sul viscerale disgusto (che, sarebbe ora i registi lo imparassero, al più schifa, ma di certo non spaventa).

Difetti? Beh, i cattivi alle volte sembrano dotati di teletrasporto e le vittime sono pirla a livelli patologici, ma fa parte del gioco. :-)

Il regista dimostra di avere stile, speriamo non si riveli un fuoco di paglia (ed il seguito già in cantiere mi preoccupa un po').


Voto: 7 (ma non piacerà a tutti)
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .

----------

4 commenti:

Bruno ha detto...

non è che i protagonisti sono un po' pirla, è lui che è proprio un coglionazzo, e che caz... davvero bellino come film, ma se lui avesse avuto un QI superiore a 5 sarebbe stato molto meglio

Davide Alberani ha detto...

In effetti lui non arriva proprio alle 2 cifre, di QI. Anche l'amico si piazza bene, ma almeno è mezzo sbronzo ed assonnato.

Ho dimenticato di dire: Liv Tayler bracciona, culona e - pur non mostrando - sospetto pure panciona.
Un po' di palestra, cara, e che diamine! ;-)

Bruno ha detto...

sì però è sempre bbbona

Anonimo ha detto...

Ho notato un certa imitazione al bellissimo Funny Games ma ovviamente non c'è proprio paragone. Condivido con voi questo link. Ciao!
Recensione The strangers