Casa del Trashometro
sostare il cursore su titoli di film e nomi di persone per aprire la scheda.

martedì 29 novembre 2005

dolore sempre vivo!

Comincio a pensare che la mia recente colica renale non sia del tutto scollegata all'ultima serie di film trash che mi sono sorbito...

Ad ogni modo, ho visto il Film Definitivo®.
Sul serio: volevo cavarmi gli occhi dopo averlo visto, tanto era bello! ;-)

Si intitola Atomik Circus e la prima peculiarità è che non c'è alcunché di atomik e - se è per questo - non c'è neppure il circus (ok, giusto in senso lato...)
Il sottotitolo recita Le retour de James Bataille; tale James Bataille in effetti se ne era andato, ma non è che il suo ritorno sia poi questa notiziona...

Come avrete intuito, il film è francese (produzione franco-tedesca-portoghese, per la precisione) e già questo è garanzia di qualità. Per cacare cotanto capolavoro sono stati necessari 5 sceneggiatori/scrittori e 2 fratelli alla regia, tutti poi scarnificati in sacrificio al dio del cinema, per placarne l'ira.

Si tratta di un horror-fantascientifico, commedia grottesca, musical d'avventura, romantico con una certa attenzione alle tematiche sociali. Wow! Non è già stup(r)endo?

E non avete ancora sentito la trama! Un tale James Bataille arriva in un paesino messicano (ommioddio!) dove un branco di stolti bifolchi non hanno di meglio da fare che tirare a campare divertendosi col becero spettacolo del P. T. Barnum locale. Il buon James si invaghisce di sua figlia, niente meno che Vanessa Paradis (Joe le taxi, duuu duuu...) e per starle accanto si fa assumere nello spettacolo del padre. Ahilui durante il suo numero con la moto qualcosa va storto ed accoppa parte del pubblico, venendo condannato a 133 anni di galera da scontarsi in una prigione di minima sicurezza (il sistema massicano funziona! ;-)), dalla quale ovviamente evade.
Dimentichiamoci pure di questo pirla, perché non lo rivedremo fino a poco prima della fine; nella allegra cittadina arrivano due sgradite presenze: un impresario che sostiene d'essere in cerca di nuovi talenti (ma l'infido mariuolo vuole solo infilarsi nelle mutande di Vanessa) e gli alieni.
Sì, gli alieni. Qualche problema?!?!
Per la precisione sono un mix tra gli ufoni di La Guerra dei Mondi e dei colibrì sovrappeso. Va detto che non è che siano esattamente temibili, muovendosi come bradipi...

Ora mi fermo perché non voglio rovinare il finale a nessuno; sappiate solo che prima che il film (o il vostro fegato) sia finito James Bataille sarà tornato, avremo assistito a molte mutilazioni, a sevizie su animali di pezza, all'uso di armi fantascientifiche, ed uno sciamano pazzo si rivelerà essere ben altro!
Per tacere del fatto che ogni tanto Vanessa Paradis ci delizierà con la sua ugola d'oro... argh!

Film imbarazzante per chi l'ha fatto e chi gli ha dato voti diversi da 1.

Voto: 1 (ma un sonoro 10 sul trashometro!)

Prossimamente: la recensione di un altro film dalla stessa distribuzione (e quasi altrettanto bello).

----------

4 commenti:

Anonimo ha detto...

a me e' piaciuto.

Davide Alberani ha detto...

Anche a me: lo rivedrei più che volentieri. :-)

Anonimo ha detto...

Tu mi sà che non ci capisci un cazzo...ma non è colpa tua, eh! La colpa è della tua mancanza di sarcasmo. Ma, oibò, ormai l'è così...
Valedio

Davide Alberani ha detto...

Che ti devo dire? Per fortuna c'ho un folto pubblico depositario della comprensione ultima e financo del sarcasmo.

> La colpa è della tua mancanza di sarcasmo.

E con questa mi ci faccio la maglietta...