Casa del Trashometro
sostare il cursore su titoli di film e nomi di persone per aprire la scheda.

giovedì 4 settembre 2008

[tripla/2] city ninja


Un tizio di una qual certa importanza si procura una sedia (semi)umana.

Perché è così pitturato? Perché ad un certo punto non lo è più? Perché indossa un poncho? Perché viene ucciso facendogli ingoiare una pallina da biliardo? Così va la vita, diceva Vonnegut...

Ad Hong-Kong lo spazio è davvero poco, e ci si accoppia un po' dove capita.

Non è poi difficile, recensire un film ninjesco-hong-kong-ese degli anni 80: in fondo in fondo nessuno sa veramente cosa sia successo, e si può sempre dire che in realtà si stava parlando di un altro film... ;-)

Nell'affascinante caso di City Ninja (anche Rocky's Love Affairs o Tou qing ke), ad esempio, lo stesso IMDb fa una gran confusione con Ninja Holocaust, con cui molti lo identificano.
Probabilmente si tratta dello stesso film, ed i credits del secondo sono errati; sembra anche che non ci sia lo zampino di Godfrey Ho, ma chi può dirlo? In effetti tre o quattro pirla occidentali ci sono, ma non si direbbero così disgiunti dal resto del cast... o forse no.

La trama compete in limpidezza con la fogna di Calcutta: senza tema di smentita, all'inizio un tale (presumibilmente un euro-ninja in camicia) viene accoppato da dei sedicenti ninja; prima di morire affida a Qualchedauno Che Passava Di Lì una pagnottella che lui spaccia per collana.
Non volendo contraddire un uomo morente, tutti continueranno a riferirsi all'oggetto come se fosse una collana, anche e soprattutto gente che non l'ha mai vista prima ma che la brama per qualche motivo. Ciò non crea grandi sconvolgimenti logici, non fosse altro per il fatto che, pagnotella o collana che fosse, non comparirà mai più per tutto il film.
Tale pregiatissimo MacGuffin mette in moto una serie di personaggi a dir poco improbabili, accomunati da capigliature al limite del criminale.
Tra queste spicca la figura - tipicamente Hong-Kongese - del Pugile Tisico che pare avere una tresca con la figlia del capo (il Prodi Hong-Kongese) o forse no. Ha anche una serie di scrupoli di coscienza, tipo non "uccidere a meno che non mi girino davvero i maroni", che suppongo servano a caratterizzarlo come uomo e come tisico.
A complicare tutto, la presenza di almeno altri due o tre tizi tutti identici e che frequentano lo stesso parrucchiere gotico-sadico, convinto che un asiatico pettinato da Beatles faccia proprio un figurone. :-)
A starci proprio attenti di sicuro li si potrebbe distinguere dai tatuaggi, ma sarei pronto a giurare che un paio di volte i buoni diventano cattivi e viceversa....
Ma che importa? Un po' di gente viene accoppata, un fracasso menata e ci si fa pure una scampagnata in Cambogia (o Corea? O Vietnam? Bah...) ad uccidere l'uomo con la ceralacca in testa.
Nel mentre, tutti rapiscono tutti, ci si mena con chiunque passi per strada e ci si accoppia come se non ci fosse un domani. Il che, se vogliamo, non è poi una brutta filosofia di vita...

Ho già detto che la trama è confusa? ;-)
Non paghi di ciò, ad un certo punto compare pure Samurai Machone e la sua ghenga di ninja (err...) dotati di bombe puzzolenti ed altre armi letali.

Film auto-punitivo all'estremo, ma non privo di soddisfazioni trash.
Quasi eccessivo il fan-service: non si perde davvero occasione per una scopatina, o quanto meno per una sbirciatina sotto la doccia (il film di ninjà più igienista della storia! ;-))

Cose imparate: quando hai abbastanza attori tutti uguali, non hai davvero bisogno di una trama. :-)
Da non perdere: il sesso sul ring e sul vogatore, i cattivi che escono dalle scatole di cartone, la tizia usata come corpo contundente, il capo buono/cattivo che comanda il suo impero sfogliando un album di ritagli di giornale, il balletto per procurare una sedia al Tizio Di Chiara Fama.

Voto: 1 Trashometro® 10/10: (ohhh... estremo!)
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .

----------

3 commenti:

Anonimo ha detto...

ah però!
ti stai dando ai kolossal a mandorla!
non vedo l'ora di gustarmelo anke io!
Ma dove lo hai skovato?
è doppiato in italiano?
Ciao

by Matteo
Gli Adoratori del Kulto

Anonimo ha detto...

ah però!
ti stai dando ai kolossal a mandorla!
non vedo l'ora di gustarmelo anke io!
Ma dove lo hai skovato?
è doppiato in italiano?
Ciao

by Matteo
Gli Adoratori del Kulto

Davide Alberani ha detto...

@Matteo:
chiariamo: le mie non sono recensioni, sono RICHIESTE D'AIUTO! Come i migliori serial killer, IO VOGLIO ESSERE FERMATO! ;-)

Detto ciò, l'ho trovato qui: http://www.publicdomaintorrents.com/.

Mi era stato segnalato sul forum di filmbrutti.com

Privo di sottotitoli, è solo in inglese. Il più delle volte alla "ze buk is on ze tebol", altre volte non si capisce un accidenti ma non è che la trama ne perda, anzi... :-)

Occhio che sarà piuttosto doloroso.

Ciao!