Casa del Trashometro
sostare il cursore su titoli di film e nomi di persone per aprire la scheda.

venerdì 4 settembre 2009

Death Race!

Opera meritoria, quella di Paul W.S. Anderson e della produzione tutta.
Con Death Race avrebbero potuto limitarsi al solito filmaccio d'azione, ma per loro questo non era sufficiente.
Certo, hanno chiamato Jason Statham, e questa è una bella cosa perché anche lui deve pur mangiare, ma neppure questo per loro era abbastanza: hanno infatti deciso di produrre, scrivere e dirigere un film interamente a misura di Statham, di cui anche il nostro eroe potesse capire la trama e coglierne ogni raffinata sfumatura psicologica!
Ah, che bel gesto!

No, dai, non so davvero da che parte cominciare...
Ok, ok... ci sono i buoni, a partire da Statham che viene licenziato, bastonato, mogli-ammazzato ed incarcerato per l'uxoricidio non commesso. I buoni resteranno tali dall'inizio alla fine.
Poi ci sono i cattivi, capeggiati dalla direttrice del carcere, che ha fatto rinchiudere Statham perché lui era un gran manico di pilota, e lo voleva a correre nella Death Race, corsa mortale organizzata dal suo istituto di pena. E qui viene il vero colpo d'ala del film: anche i cattivi resteranno tali dall'inizio alla fine!
Personaggi ambigui non ce ne sono, anche se forse potrebbe ricoprire il ruolo un tale particolarmente cattivo che ottiene la libertà ed il riscatto sociale per aver aiutato Statham (cosa che di suo abbuona un bel po' di peccati, parrebbe - fatelo anche voi, la prossima volta che lo incontrate per strada). Comunque anche il suo personaggio si evolve come un dodo, e quindi sorvoliamo.
Statham corre su queste auto corazzate e dotate di armi, al suo fianco la fica di turno (non sufficientemente inquadrata), ai box i suoi supporters, in cabina di regia la direttrice del carcere che farà di tutto per farlo perdere. Lungo il percorso, brandelli di concorrenti spalmati qua e là. In coda al gruppo, Badoer che continua col suo corso di guida sicura. Niente altro da segnalare.

Quasi commovente nella sua banalità, con la telecamera messa un po' dove capita, ha il notevole pregio di far ridere parecchio.
Film caciarone, buono per una serata sguaiata - per il resto, stendiamo un velo pietoso.

Voto: 2. Trashometro® 7/10:
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .

----------

0 commenti: