Casa del Trashometro
sostare il cursore su titoli di film e nomi di persone per aprire la scheda.

domenica 11 marzo 2007

saw iii

I tempi degli horror in cui erano gli attori con la loro recitazione a dover spaventare il pubblico sono finiti da un pezzo, sostituiti quando va di lusso dalla stimolazione di un senso di inquietudine (punti extra se c'è un bimbo che vede la gente morta ;-)) e - nel peggiore dei casi - dal montaggio di scene veloci, close-up su mutilazioni varie mentre la musica esplode. Questi ultimi in particolare sono trucchi che funzionano solo al cinema e solo la prima volta che li vedi: da anni ormai si entra aspettandosi questo schema ripetuto, che ha di fatto perso ogni efficacia.

In un simile contesto, nel 2004 il primo Saw fu una gradevole sorpresa: mutilazioni sì, ma molto creative ed inserite in una storia intrigante, ben costruita e diretta.
Nel 2005 Saw II (recensione) perdeva inevitabilmente di originalità, ma sopperiva con una nuova impostazione in grado di catturare l'attenzione dello spettatore mantenendo alta la tensione.

Oggi siamo al terzo capitolo: l'enigmista sta (ancora!) tirando le cuoia ed ha bisogno delle cure di una dottoressa che già lo aveva avuto come paziente: lei dovrà farlo sopravvivere almeno fino al termine dell'ultimo "gioco" - anche qui amorevolmente preparato da Amanda, sua assistente - che questa volta vede come soggetto un solo uomo (ed alcuni comprimari nel ruolo della carne da macello, si intende ;-))

La parte del "chi fa cosa e perché", svelata solo nel finale (benché alcune cose fossero intuibili fin da molto prima) tutto sommato funziona anche: niente di sconvolgente ma nel complesso accettabile.
Dove pecca in maniera clamorosa sono le torture: efferate sì ma non molto originali e, quel che è peggio, mal girate; pur presentando le solite situazioni "pressanti", qui non si riesce appieno a trasmettere l'impellente senso di urgenza che la prospettiva di una morte alquanto scomposta dovrebbe trasmettere. :-)
Se nel primo restavi incollato alla poltrona (anche) per vedere come sarebbe andata a finire la storia e nel secondo eri curioso di quale altra atrocità sarebbe accaduta ai protagonisti, in questo terzo capitolo si punta allo stomaco entrando in modalità "vomitorama" (citazione colta!), alla ricerca di immagini e situazioni più disgustose che spaventose.

Voto: 4.5.
Tags: , , , , , , , , , , , , .

----------

0 commenti: